Fisher Investments si classifica tra i migliori consulenti.

Presentato da

Financial Times

Premio

Top Financial Advisers

Anno della premiazione

2014, 2015, 2016, 2017

Financial Times 300

Fisher Investments entra nella prestigiosa classifica FT300 per il quatro anno consecutivo.

Fisher Investments è lieta di annunciare la sua presenza per il quarto anno consecutivo nell’elenco del FT Top 300 2017 delle migliori Registered Investment Advisers (RIAs). L’obiettivo dell’elenco del FT 300 è riconoscere le migliori società RIA negli Stati Uniti.

Questa è la quarta edizione del Top 300. Il Financial Times (“FT”) redige l’elenco in collaborazione con Ignites Research, per fornire ai lettori un’istantanea dei migliori consulenti statunitensi. In una dichiarazione del FT ha detto: “Il nostro intento era fornire un quadro dei principali consulenti finanziari utile per i lettori istruiti e accorti del Financial Times.”

Le RIA che soddisfano una serie minima di criteri sono invitate a presentare la propria candidatura e sono poi valutate in base a sei fattori: attivi in gestione (AUM), aumento degli attivi anni di esistenza, certificati professionali dei dipendenti chiave, accessibilità online e record di compliance. Non vi sono spese o altre considerazioni per le RIA richiedenti. L’FT Top 300 non è una classifica e presenta le società come un gruppo d’élite. L’elenco del 2017 comprende consulenti da 37 stati e Washington, D.C. La società di consulenza “media” nel gruppo di quest’anno ha 24 anni di esperienza e gestisce $2,7 miliardi di attivi.

Il CEO di Fisher Investments, Damian Ornani ha commentato: “Siamo fieri di far parte dell’elenco del FT Top 300 per il quarto anno consecutivo. Questo successo rispecchia il nostro impegno a fornire soluzioni appropriate ai nostri clienti e migliorare l’universo dell’investimento. Ma è anche un onore essere costantemente riconosciuti dal Financial Times, una delle più prestigiose organizzazioni al mondo per le notizie economiche.”

L'investimento in titoli finanziari comporta il rischio di perdita della totalità o parte dell'investimento e non c’è garanzia che tutto o parte del capitale investito sarà rimborsato. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti, e i relativi rendimenti, sono soggetti alle fluttuazioni dei mercati azionari mondiali e dei tassi di cambio internazionali.