Come affrontare il processo d’investimento

Essere un investitore di successo non è semplice e non esiste un’unica ricetta o consigli sempre validi per arrivare al traguardo. Questo è vero sia che siate un investitore navigato o un principiante e a prescindere dal fatto che gli investimenti che gestite siano i vostri o che lavoriate come consulente d’investimento professionale. Indipendentemente dalla vostra situazione finanziaria, e che puntiate alla crescita, a un piano di reddito pensionistico affidabile, all’efficienza fiscale o ad altri risultati finanziari, esistono alcuni ostacoli che potreste dover affrontare nel gestire il vostro portafoglio in linea con i vostri obiettivi d’investimento.

Per aiutarvi a investire, abbiamo sviluppato un elenco di consigli d’investimento pensati per prepararvi al meglio sul processo di identificazione, avvio e rispetto del vostro piano d’investimento.

Consiglio d’investimento n° 1: comprendere perché state investendo

Molti investitori non riescono a definire fin dall’inizio i propri obiettivi d’investimento. Tuttavia, senza sapere che cosa si vuole ottenere e perché occorre investire, si rischia di incappare in decisioni impulsive e a breve termine, in particolare in periodi di volatilità finanziaria, politica o di mercato. Ad esempio, durante un mercato al ribasso, gli investitori tendono a lasciarsi prendere dal panico e ad allontanarsi dalla volatilità negativa per paura di perdere, senza rendersi conto che ogni mercato al ribasso nella storia è stato seguito da un mercato in rialzo e che potrebbe essere più sensato mantenere gli investimenti malgrado la volatilità.

Se decidete di rivolgervi ad un esperto per il vostro piano d’investimento, il vostro consulente vi assisterà nel definire che cosa i vostri soldi e i vostri attivi devono fare per voi, quanto rischio siete disposti a tollerare, che tipi di attivi scegliere e se eventuali prodotti, fondi o conti risparmio possono essere adatti o meno alla vostra pianificazione finanziaria.

Non avere un piano concreto potrebbe mettervi a rischio e rendervi più dipendenti dai colpi di fortuna per poter arrivare dove volete. Al contrario, quando investite dovete considerare attentamente che cosa volete ottenere. Una volta deciso, potete determinare la vostra strategia e avviare il processo che vi porterà a raggiungere i vostri obiettivi.

Consiglio d’investimento n° 2: mai sottovalutare il proprio orizzonte temporale d'investimento

Nel creare un piano che soddisfi le vostre ambizioni, è importante comprendere il vostro orizzonte temporale (ovvero quanto tempo devono durare i vostri fondi per realizzare le vostre aspettative) perché restare al verde è il più grande rischio per chi investe per la pensione.

Se i vostri obiettivi d’investimento non sono altro che generare reddito per il resto della vostra vita, l’orizzonte temporale d’investimento potrebbe essere proprio quello. Non dimenticate: in generale le aspettative di vita nell’ultimo secolo sono aumentate. Ad ogni modo, se tra i vostri obiettivi volete lasciare denaro in eredità, dovete considerare non solo la durata della vostra vita, ma anche quella del partner e di altri beneficiari, come figli o nipoti. In ogni caso, è possibile che i vostri investimenti debbano offrire crescita per un periodo più lungo di quanto abbiate inizialmente previsto.

Consiglio d’investimento n° 3: mai sottovalutare l’impatto dell’inflazione         

Purtroppo, il potere d’acquisto del vostro denaro, che sia in euro, sterline o dollari, probabilmente diminuirà nel tempo. Molte banche centrali nel mondo hanno come obiettivo un’inflazione al 2-3% annuo. Se l’inflazione è al 3%, chi al momento ha bisogno di 50.000 € per far fronte alle spese annuali avrà bisogno di 120.000 € tra 30 anni, solo per mantenere lo stesso potere d’acquisto.

Nel tempo, l’inflazione erode il valore dei risparmi e i rendimenti del portafoglio d’investimento, che devono quindi superare l’inflazione in modo da incrementare il potere d’acquisto. Dovete assicurarvi che le aspettative di rendimento reale (al netto dell’inflazione) della vostra asset allocation eccedano le vostre esigenze previste di liquidità. Ciò è fondamentale per mantenere il potere d’acquisto nel lungo termine.

Consiglio d’investimento n° 4: mai concentrarsi solo sui piccoli dettagli

Pensiamo che il fattore più determinante che influenza i rendimenti del vostro portafoglio sia l’asset allocation (i tipi di classi d’attivi nel vostro portafoglio) piuttosto che i singoli fondi d’investimento, azioni o altri investimenti in portafoglio. In altre parole, il fatto che possediate azioni o contante avrà nel tempo un impatto molto più drastico di quanto avrà il fatto che possediate una determinata azione. In pratica, questo significa che dovete fare sì che la vostra asset allocation generale sia in linea con i vostri obiettivi finanziari, il che è fondamentale per determinare il vostro livello di successo.

Riteniamo inoltre che le vostre scelte di categoria (come decisioni di settore e paese all’interno delle azioni) siano più importanti della scelta del singolo titolo. Ad esempio, il fatto che possediate azioni di un’azienda francese di servizi pubblici o una società tecnologica olandese condizionerà di più la vostra performance rispetto ad avere azioni di una determinata società piuttosto che un’altra.

Questo è il succo del nostro approccio 70/20/10 all’asset allocation di portafoglio: pensiamo che il 70% dei rendimenti di portafoglio dipendano dall’asset allocation, il 20% da decisioni di categoria e il 10% dalla selezione specifica per paese.

Consiglio d’investimento n° 5: la parola d’ordine è diversificare

Uno dei modi più efficienti per ridurre il rischio nel creare un portafoglio d’investimento consiste nel suddividere gli investimenti in diverse parti del mercato. Ciò significa non solo scegliere investimenti su una serie di settori, ma anche diversificare tra regioni e paesi.

Crediamo che la diversificazione tra diversi paesi sia importante per raggiungere i vostri obiettivi a lungo termine perché non esiste un solo paese o una regione che abbia costantemente un rendimento superiore alla media rispetto altri paesi o regioni. Scegliendo di investire in un’unica area geografica rischiate di perdervi potenziali rendimenti in altre zone, quando queste registrano performance superiori al resto del mercato.

Evitate di cadere nella potenziale trappola di investire solo in azioni che sono vicine a “casa” o che hanno di recente messo a segno buone performance. Un portafoglio ben gestito e diversificato offrirà rendimenti da dividendo su una serie di mercati e, in fin dei conti, potrebbe rappresentare un approccio con un rischio minore.

Consiglio d’investimento n° 6: ricordate i vostri obiettivi e non fatevi prendere dall’emozione

Gli esseri umani sono emotivi e tendono a lasciare che il cuore controlli il cervello, un fattore potenzialmente avverso per chi vuole investire con successo nelle azioni. Le emozioni non devono avere nulla a che fare con il processo decisionale quando si tratta di pianificare i propri investimenti, a prescindere dal rischio percepito nel momento sul mercato, dal fatto che le azioni stiano vivendo una fase di rialzo o un periodo di crisi finanziaria e di caos politico o economico.

Dovreste anche evitare di acquistare azioni per motivi sentimentali, come ad esempio lavorare per quell’azienda o avere un altro tipo di coinvolgimento famigliare o personale. Eliminare la componente sentimentale dalle decisioni significa inoltre non farsi prendere dall’emozione di fronte ai cambiamenti di mercato e, in molti casi, prestare attenzione ai consigli del proprio consulente finanziario per evitare una reazione potenzialmente dannosa all’improvvisa volatilità di mercato o ad alterazioni di prezzo inaspettate.

Allo stesso modo, un approccio disciplinato al vostro piano d’investimento significa anche non cadere nella trappola comune di “rincorrere i bestseller”, ovvero seguire consigli su azioni che sembrano andare particolarmente bene in un momento dato. Non serve tornare molto indietro nel tempo per trovare esempi di questi tranelli: le azioni tecnologiche della fine degli anni ‘90 e, più recentemente, il boom dei Bitcoin e delle criptovalute.

Per acquistare e vendere azioni e selezionare conti d’investimento occorre adottare una strategia che consenta di realizzare i vostri obiettivi. E non dimenticate: solo perché il prezzo di un determinato titolo è salito o sceso non significa che manterrà quella tendenza.

Fisher Investments Italia: consulenza affidabile patrimoniale e d’investimento

Sono molti i fattori rilevanti da tenere a mente prima di investire in fondi, conti risparmio, obbligazioni a tasso fisso e altre opzioni disponibili. Spesso, la cosa migliore da fare come investitori è richiedere l’assistenza di professionisti del settore per identificare obiettivi e orizzonte temporale d’investimento e sviluppare una strategia di portafoglio efficace. Un consulente d’investimento esperto vi può aiutare a mantenere una certa disciplina lungo tutto il processo e nel lungo termine, offrendovi consigli sugli investimenti più adatti alle vostre specifiche esigenze.

Contattate subito Fisher Investments Italia per scoprire come possiamo offrirvi una consulenza d’investimento con un approccio globale. La nostra organizzazione lavora come gestore e consulente patrimoniale, instaurando solide relazioni cliente-consulente che offrono vantaggi reciproci ed equilibrio.

Investire in mercati finanziari comporta rischi di perdita e non vi sono garanzie che venga restituito tutto o parte del capitale investito. Le performance passate non sono una garanzia di risultati futuri, né tanto meno ne rappresentano una previsione attendibile. Il valore degli investimenti e del reddito da essi generato subirà fluttuazioni in linea con i mercati finanziari e con i tassi di cambio delle valute internazionali.