Analisi di Mercato

Mercati Emergenti

Mentre una esposizione ai Mercati Emergenti (ME) è opportuna per un investitore globale, bisogna fare attenzione a considerare ME come una categoria ampia e uniforme

Sono già passati tre trimestri nel 2017 e le azioni globali segnano ottimi rialzi. Tuttavia, c’è un segmento sul mercato che sembra particolarmente allettante : i mercati emergenti (ME), che da inizio anno crescono in doppia cifra, superando i mercati del mondo sviluppato e attirando molti investitori. Pur essendo generalmente ottimisti al momento sui mercati emergenti, non significa che esortiamo gli investitori a compiere grandi cambiamenti di portafoglio senza nessun approfondimento . Sia che stiate esplorando i ME come investitore globale, o che abbiate già maggiore esposizione, è importante tenere conto delle sfumature specifiche ad ogni paese. Gli investitori devono diversificare tra le varie opportunità offerte dai mercati emergenti, che non sono una categoria omogenea e specifici fattori trainanti di settore possono avere un forte impatto sulla performance.

Per prima cosa, è importante comprendere alcune cose. Anche se i paesi emergenti tendono a crescere più rapidamente rispetto a quelli sviluppati, i loro titoli non sono intrinsecamente superiori. I titoli sono titoli e tutti hanno i loro 15 minuti di celebrità e i loro momenti grigi . I titoli dei mercati emergenti hanno vissuto momenti eccellenti, ma durante buona parte di questo mercato Toro sono rimasti indietro rispetto ai mercati sviluppati. Se l'indice MSCI World ha reso circa il 274% dall’inizio di questo mercato Toro il 9 marzo 2009, l’indice MSCI EM è cresciuto solo di circa il 190% dalla stessa data.[i] (Grafico 1)

Grafico 1: MSCI Emerging Markets Vs. MSCI World da marzo 2009

fig1

Indicizzato a 100 al 09/03/2009

Fonte: FactSet, al 28/09/2017. Rendimenti dell’indice MSCI EM e MSCI World con dividendi netti, dal 09/03/2009 al 29/09/2017. Indicizzati a 100 al 09/03/2009.

Tuttavia, dopo aver subito la loro parte di mercato Orso e un lungo periodo piatto, i mercati emergenti ruggiscono . Il 21 gennaio 2016, un paio di settimane prima della fine della più recente correzione del mercato azionario, hanno toccato il fondo e non hanno smesso di risalire da allora (se non si considerano un paio di brevi battute d’arresto ). Lo scorso anno l'indice MSCI EM ha superato l’indice MSCI World composto solo da nazioni sviluppate (33,1% vs. 29,0%), e questa serie è proseguita nel 2017: da inizio anno l’indice MSCI EM sale del 18,0%, guadagnando più del doppio rispetto al 7,3% dell’MSCI World.[ii]

Anche se una certa esposizione ai ME può avere senso per un investitore con una visione globale, occorre fare attenzione e non trattare i ME come una categoria ampia e uniforme . I paesi emergenti variano sia per concentrazioni di settore che per sviluppo economico e politico. I mercati coreani, per esempio, sono particolarmente orientati al settore Tecnologico . Nell’indice MSCI Korea, l’informatica rappresenta quasi il 50% della capitalizzazione di mercato —molto più del 28% dell’indice MSCI dei mercati emergenti.[iii] Tuttavia, la capitalizzazione di mercato del 10% dei consumi discrezionali dell’indice MSCI Korea rispecchia la quota dei mercati emergenti e rappresenta le classi di consumo crescenti che si vedono più spesso nei mercati sviluppati.[iv] La Corea inoltre presenta alcune qualità politiche simili a quelle dei mercati sviluppati, come il rispetto dello stato di diritto. Il presidente Park Geun-hye è stato oggetto di un impeachment e rimosso dalle sue funzioni a inizio anno, e anche se la storia sembra uscita direttamente da una soap opera coreana , la legge e il sistema giudiziario sono stati trasparenti e hanno funzionato come previsto. Il popolo ha poi selezionato il suo successore, Moon Jae-in, con libere elezioni. La Corea presenta qualche ritardo che l’MSCI imputa al controllo di capitali da tenere in considerazione nelle decisioni di una sua aggiunta negli indici dei mercati sviluppati, ma tutto sommato ha molto in comune con questi ultimi. L’OCSE la considera addirittura un paese sviluppato.

Basta fare un confronto con il Pakistan, che è approdato quest’anno nell’indice MSCI dei mercati emergenti. L'indice MSCI Pakistan è composto da solo sei elementi: tre finanziari, due sono società di materiali e una è di energia, a riprova del fatto che il paese ha ancora molta strada da fare per sviluppare il suo settore privato. Esiste inoltre molta più incertezza politica. La corte suprema pakistana ha a sorpresa rimosso il primo ministro Nawaz Sharif per corruzione a luglio; è la terza volta che il politico viene "licenziato” da primo ministro. La corruzione è più comune nei mercati emergenti, e questo scandalo ha scatenato un’ondata di incertezza politica . Un primo ministro ad interim sta traghettando il paese verso le elezioni generali del prossimo anno e i candidati potenziali si stanno già preparando alla vittoria, come il fratello minore del ministro silurato o un ecclesiastico sobillatore .

Anche se questi due esempi si potrebbero trovare ai lati opposti dello spettro, gli investitori possono applicare quest’esercizio anche ad altri mercati emergenti. Taiwan? I suoi mercati azionari sono simili a quelli della Corea e la corruzione politica non presenta gli stessi problemi degli altri paesi emergenti.[v] I mercati locali in Sudafrica pendono pesantemente verso Consumi discrezionali e finanziari, ma la situazione politica è molto più tumultuosa . Il primo ministro Jacob Zuma è invischiato in uno scandalo di corruzione ed ha adottato misure per correre ai ripari (come la modifica di un atto sull’estrazione mineraria) per aggiudicarsi il sostegno popolare e mantenere la propria influenza . I mercati hanno probabilmente già scontato la persistente incertezza, che però non è ancora pronta a scemare .

Dato che le nazioni dei mercati emergenti divergono così tanto su base individuale , gli investitori farebbero bene a tenere a mente i mercati capitali di ogni singolo paese nel considerare eventuali opportunità d’investimento. Se siete investitori globali alla ricerca di maggiore esposizione ai mercati emergenti, non date troppa importanza ai tassi di crescita del PIL, poiché si tratta di indicatori antiquati che non prevedono i rendimenti azionari. Piuttosto, occorre guardare ai mercati emergenti come una possibilità di ottenere esposizione a temi di settore globale che prevedete vadano bene nel breve termine. Se siete ottimisti nei confronti della tecnologia , ha senso cercare opportunità a Taiwan e in Cina e forse anche in Corea, malgrado vi siano al momento rischi normativi leggermente più elevati. Questi tre paesi insieme rappresentano circa il 95% della capitalizzazione di mercato totale per l’indice MSCI Emerging Markets Technology.[vi] Allo stesso modo, Russia e Brasile sono luoghi adatti in cui cercare se ritenete che l’energia si comporterà bene in futuro. Investire in Messico significa probabilmente aggiungere beni primari, materiali o telecomunicazioni al proprio portafoglio , dato che questi sono i tre settori principali del paese. Anche se mettiamo in guardia dall’accumulare investimenti in un solo settore o una sola area geografica (non dimenticate che, per quanto siate certi di una categoria, potete sempre sbagliarvi), crediamo che adottare posizioni strategiche sui paesi emergenti basate su temi settoriali globali possa aggiungere valore per gli investitori.


[i] Fonte: Indici MSCI World e MSCI Emerging Markets Total Return (dividendi netti) in GBP, dal 09/03/2009 al 29/09/2017.

[ii] Ibid.

[iii] Fonte: FactSet, al 29/09/2017.

[iv] Ibid.

[v] Anche se Taiwan ha avuto le sue risse parlamentari.

[vi] Fonte: FactSet, al 29/09/2017.

L'investimento in titoli finanziari comporta il rischio di perdita della totalità o parte dell'investimento e non c’è garanzia che tutto o parte del capitale investito sarà rimborsato. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti, e i relativi rendimenti, sono soggetti alle fluttuazioni dei mercati azionari mondiali e dei tassi di cambio internazionali.