Sui media

Fisher Investments Italia scrive articoli e opinioni sui mercati finanziari e l’economia. Il Presidente e direttore Ken Fisher ha scritto per oltre 30 anni l’ editoriale mensile “Portfolio Strategy” su Forbes, tanto da divenire il colonnista per più tempo attivo nella storia della rivista con oltre 90 anni di storia. Ken Fisher collabora regolarmente con diverse pubblicazioni, tra cui Financial Times nel Regno Unito, Børsen in Danimarca, De Telegraaf in Olanda, Focus Money in Germania e USA Today. Ken ha scritto 11 libri, tra cui 4 bestseller del New York Times, e su di lui ci sono state pubblicazioni, interviste e articoli sui media a livello globale. La sua ricerca è stata presentata in numerose riviste scientifiche, rappresentando il suo impegno a fornire intuizioni e analisi innovative all’interno del mondo accademico degli investimenti. Qualsiasi articolo, libro o commentario prodotto dal gruppo Fisher può essere disponibile per i clienti tramite il loro Consulente di Investimento.

I rischi non caratterizzano solo le azioni

Di Fisher Investments Italia, Borsa Italiana, 27/11/2018

In base alla nostra esperienza, molti investitori affrontano la scelta dei titoli basandosi su un criterio bizzarro, come le percezioni di sicurezza dal rischio.

Leggi di più

Metafore di mercato di Parsing Media

Di Fisher Investments Italia, Trend Online, 29/10/2018

Mercati. I media finanziari parlano spesso dei mercati come se fossero persone. A volte i mercati hanno paura di qualcosa, altre volte esultano.

Leggi di più

La familiarità non riduce il rischio

Di Fisher Investments Italia, Borsa Italiana, 15/10/2018

Secondo noi, molti investitori a livello internazionale tendono ad avere molte azioni di aziende che conoscono bene. A volte si tratta di aziende locali di cui sentono parlare al telegiornale. A volte sono i loro datori di lavoro.

Leggi di più

Investire in mercati finanziari comporta rischi di perdita e non vi sono garanzie che venga restituito tutto o parte del capitale investito. Le performance passate non sono una garanzia di risultati futuri, né tanto meno ne rappresentano una previsione attendibile. Il valore degli investimenti e del reddito da essi generato subirà fluttuazioni in linea con i mercati finanziari e con i tassi di cambio delle valute internazionali.