Scopri di più su Fisher Investments Italia e l

Storia della Società

Anni 70: Grazie al suo lavoro teorico, Ken Fisher è il pioniere dell’utilizzo del concetto di “Price-to-Sales Ratio” e ne ha dimostrato l’importanza come strumento per l’analisi di investimento. Non è un caso che proprio questo strumento sia utilizzato per gestire portafogli a bassa capitalizzazione per i clienti istituzionali di Fisher Investments.

1979: Ken Fisher fonda Fisher Investments, società madre di Fisher Investments Europe, inizia l’attività di gestione discrezionale degli investimenti seguendo i principi del capitalismo e del libero mercato dei capitali. La sua filosofia di investimento è molto semplice: domanda e offerta sono gli unici fattori che determinano il prezzo dei titoli e i mercati dei capitali scontano in modo efficiente tutte le informazioni di pubblico dominio. Ecco perché, per aggiungere valore attraverso una gestione attiva degli investimenti, occorre identificare informazioni non note a tutti, o anche interpretare le informazioni già conosciute in modo diverso (e corretto) rispetto agli altri attori del mercato.

Metà degli anni 80: Fisher Investments contribuisce all’identificazione di diversi stili di investimento sul mercato, e sfrutta questi passi in avanti per ampliare il proprio raggio d’azione su nuove strategie come Global Total Return, US Total Return e Foreign Equity.

Metà degli anni 90: Fisher Investments inizia a offrire servizi di gestione separata a clienti statunitensi con grandi patrimoni attraverso una divisione dedicata.

Inizio 2000: Fisher Investments amplia la sua offerta di servizi al Canada e apre Fisher Investments Europe nel Regno Unito.

2007: Fisher Investments lancia una joint venture, oggi controllata al 100%, con Grüner Fisher Investments GmbH, che offre i suoi servizi agli investitori tedeschi.

2012: Fisher Investments Europe inizia a operare in altri Paesi europei. Dopo soli quattro anni, Fisher Investments Europe opera in otto Paesi europei (Regno Unito escluso). Fisher Investments Italia è il nome commerciale utilizzato dalla succursale italiana di Fisher Investments Europe Limited.

Inoltre, Fisher Investments ha dedicato significative risorse a un settore emergente come la finanza comportamentale, per comprendere meglio gli strumenti finanziari e come essi vengono utilizzati dagli investitori. Queste ricerche hanno portato Fisher Investments a sviluppare applicazioni pratiche di finanza comportamentale nel suo processo di gestione del portafoglio e le ricerche di Ken Fisher sono state raccontate in numerose riviste finanziarie come Financial Analysts Journal e The Journal of Portfolio Management.

Investire in mercati finanziari comporta rischi di perdita e non vi sono garanzie che venga restituito tutto o parte del capitale investito. Le performance passate non sono una garanzia di risultati futuri, né tanto meno ne rappresentano una previsione attendibile. Il valore degli investimenti e del reddito da essi generato subirà fluttuazioni in linea con i mercati finanziari e con i tassi di cambio delle valute internazionali.