Creare un piano pensionistico su cui poter contare: iniziare presto per beneficiare del massimo della crescita


Anche se molti pensionati godono di una pensione statale grazie al lavoro svolto negli anni, molti hanno esigenze di reddito o desideri particolari che vanno oltre l’importo erogato dalle pensioni di stato. Per questo, molti di coloro che risparmiano per la pensione adottano un approccio triplice nei confronti di questo periodo, usando una combinazione di pensione statale, pensione del posto di lavoro (datore di lavoro o azienda) e pensione privata. Ed è anche il motivo per cui conviene prevedere per tempo e iniziare a creare il proprio piano pensionistico il prima possibile, per soddisfare i vostri obiettivi di pensionamento e stile di vita.

Definire con efficacia i propri obiettivi di pensione

Al fine di comprendere quanti risparmi per la pensione vi serviranno può essere utile per prima cosa definire i vostri obiettivi d’investimento: vi serve semplicemente disponibilità di denaro dai vostri investimenti o volete accrescere il vostro capitale o creare un’eredità per i vostri eredi o da donare in beneficenza? Oppure forse siete una di quelle persone che vuole solamente preservare il proprio capitale.

A prescindere dalle vostre intenzioni, dovete pianificare con cura i vostri risparmi. Capire quali sono le vostre esigenze di cassa fa parte di questo processo, quindi occorre verificare quanto spendete oggi e quanto pensate che spenderete più avanti durante la vostra pensione. Non dimenticate che quella fase della vostra vita potrebbe comportare ulteriori spese, come cure mediche e di assistenza e che è molto probabile che l’inflazione riduca il vostro potere d’acquisto.

Orizzonte temporale

Per calcolare i vostri obiettivi di risparmio dovrete inoltre rispondere ad una difficile domanda: per quanto tempo dovranno durare i vostri soldi? La risposta a questa domanda determina ciò che definiamo il vostro orizzonte temporale. Chiedetevi quanto tempo vi aspettate di vivere, quanto tempo pensate che vivrà il vostro coniuge o i vostri figli a carico e se volete che il vostro denaro continui a fruttare per i vostri eredi o per gli enti di beneficenza prescelti dopo che non ci sarete più.

Sottovalutate il vostro orizzonte temporale d'investimento a vostro rischio e pericolo. Molte persone vivono più a lungo dei loro antenati, quindi pianificare in anticipo per una vita più lunga è una mossa intelligente, ma significa che dovrete iniziare a risparmiare presto, di modo che ogni contributo che fate oggi ai vostri conti risparmio per la pensione abbia il tempo necessario di diventare il “gruzzolo” di cui avrete bisogno.

Inflazione ed esigenze di flusso di cassa

A prescindere dagli stili di vita, è difficile per tutti adattarsi a limitazioni imposte da una carenza di liquidità, soprattutto se siete avanti con gli anni e siete abituati a certe comodità e alla vostra indipendenza finanziaria.

Tuttavia, l’inflazione può rendere il vostro stile di vita molto più costoso, se le vostre spese sono pesantemente legate a categorie di beni e servizi caratterizzate da prezzi in rapido aumento. Molte banche centrali del mondo sviluppato mirano ad un tasso d’inflazione intorno al 2-3%, ed è quindi ragionevole aspettarsi che il costo della vita aumenti nel tempo. Nel definire il vostro piano di pensionamento, affinché superi il tasso d'inflazione, dovete assicurarvi di considerare correttamente l’impatto di quest’ultima sul vostro potere d’acquisto.

È inoltre importante calcolare l’effetto dei prelevamenti dai vostri conti pensione, perché prelevare e rimuovere fondi può avere un impatto sui tassi attuali di risparmio, oltre a subire imposte sul reddito. Comprendere le implicazioni fiscali del reddito pensionistico è un altro fattore da tenere in considerazione.

Tutta la verità sulla preservazione del capitale

Anche se alcuni vogliono soltanto preservare il proprio patrimonio, pensiamo che si tratti di una piccola percentuale e che per la maggior parte delle persone questa strategia non sia adatta ai loro interessi.

Forse non vi servirà nessun flusso di denaro dal vostro portafoglio e non volete vederne calare il valore. In tal caso, una politica di pura preservazione del capitale potrebbe essere la scelta giusta. Tuttavia, quasi tutti i risparmiatori hanno bisogno di un certo livello di crescita dei loro risparmi per la pensione e un livello qualsiasi di crescita necessita l’assunzione di rischi di perdita, che va contro la preservazione del capitale.

Risparmiare presto per avere rendimenti composti

Prima iniziate a pianificare i vostri risparmi pensionistici e a mettere da parte o a apportare contributi per la pensione, e più probabilità avrete di approfittare del potere dei rendimenti composti, ovvero quando i vostri rendimenti azionari guadagnano ulteriori rendimenti da investimento.

Rendimenti composti calcolati sia sui risparmi iniziali che su eventuali rendimenti da essi accumulati. In altre parole, si tratta dei rendimenti guadagnati sui rendimenti già realizzati. Ad esempio, se mettete da parte 50.000 € e guadagnate in media un rendimento annuo del 5% su quell’importo, senza prelevamenti dopo 30 anni avrete risparmi pensionistici intorno a 216.097 €. 

E la cosa migliore, per chi pianifica con prudenza la propria pensione, è che più contribuite, maggiori saranno i vantaggi dei rendimenti composti. Più risparmiate, più i vostri risparmi crescono nel tempo. Anche se i rendimenti del mercato azionario possono oscillare di anno in anno, in periodi di tempo prolungati i prezzi delle azioni tendono a salire ed eventuali aumenti percentuali nel vostro investimento approfitteranno di futuri incrementi percentuali. In parole povere, prima investite e più probabilità avrete di comporre i vostri guadagni.

Bilanciare gli investimenti

La combinazione di investimenti nel vostro portafoglio pensionistico deve essere determinata dai vostri obiettivi personali e dalle vostre previsioni di rendimento. La vostra combinazione di risparmi in denaro, reddito fisso, azioni o altri investimenti, comprese le pensioni, dipenderà dai vostri obiettivi. Se iniziate presto a risparmiare potete investire di più in azioni, sapendo che nel lungo termine è più probabile che possiate approfittare di guadagni composti. Se iniziate tardi, il vostro approccio potrebbe differire, a seconda dei vostri obiettivi.

Non affidatevi solo alle pensioni di stato e di lavoro

Definendo i vostri obiettivi, delineando una strategia e sviluppando i vostri attivi pensionistici privati potrete mettervi nella posizione di forza necessaria per evitare di dipendere dai programmi di pensione del governo, che possono subire fluttuazioni prima ancora che andiate in pensione. E poi non vi sono certezze in nessun caso, nemmeno riguardo l’assistenza sanitaria o la previdenza sociale in una fase futura della vostra vita.

Se volete godervi la pensione che desiderate, vi conviene avere risparmi pensionistici diversificati per fornirvi reddito e crescita sufficienti. Prima iniziate a versare contributi, più probabilità avrete di realizzare i vostri obiettivi di pensione.

Per saperne di più su Fisher Investments Italia

Fisher Investments Italia è in grado di consigliarvi un’asset allocation su misura per i vostri obiettivi a lungo termine. Possiamo aiutarvi a comprendere i vostri risparmi pensionistici e come le modifiche ai contributi possono influenzare il vostro reddito annuo durante la pensione. 

Per saperne di più sui vantaggi di una collaborazione con Fisher Investments Italia per i vostri piani pensionistici, contattateci oggi stesso!

Investire nei mercati finanziari comporta il rischio di perdita e non è possibile garantire che il capitale investito, in tutto o in parte, possa essere rimborsato. Le performance passate non garantiscono, né sono indicatori affidabili di performance future. Il valore degli investimenti, e i relativi rendimenti, sono soggetti alle fluttuazioni dei mercati azionari mondiali e dei tassi di cambio internazionali.