Risparmiare e investire durante la pensione


La pensione è un momento emozionante: potete esplorare nuovi passatempi, viaggiare, passare più tempo con i vostri cari o semplicemente rilassarvi. Anche se molti investitori hanno qualche tipo di risparmio per la pensione, come piani pensionistici promossi dal datore di lavoro, conti risparmio personali (ISA) o pensioni, non tutti pensano ad investire durante la pensione e a creare un piano pensionistico che duri.

Forse dovrete continuare ad investire per decenni nel vostro piano per assicurarvi di poter condurre una vita tranquilla e realizzare i vostri obiettivi a lungo termine. Quando vanno in pensione, gli investitori pensano di potersi rilassare, come vorrebbero, ma per molti di loro investire durante la pensione è fondamentale per poter raggiungere i propri obiettivi a lungo termine.

Come investire?

Restare al verde durante la pensione è una paura comune. Dopo aver passato quasi tutta la vita a risparmiare per la pensione, diventa quasi un’abitudine mettere da parte qualsiasi somma in eccesso. Anche se non tutti gli investitori necessitano una crescita dell’investimento per tutta la loro vita, a seconda delle proprie circostanze personali, alcuni avranno bisogno che i loro risparmi li sostengano negli anni della pensione.

In base alla vostra situazione, investire durante la pensione potrebbe aiutarvi a realizzare i vostri obiettivi pensionistici a lungo termine. Un conto risparmio è un ottimo strumento per le somme a cui dovrete poter accedere con poco preavviso: costi medici imprevisti, riparazioni alla casa o addirittura una vacanza sono tutti esempi di casi in cui potreste approfittare del fatto di avere un po’ di soldi da parte durante la pensione. Tuttavia, se i vostri obiettivi d’investimento necessitano una crescita a lungo termine, avere troppa liquidità potrebbe voler dire dover rivalutare le proprie priorità o rischiare di restare senza soldi durante la pensione.

I rischi legati agli investimenti in denaro     

Può sembrare logico che alcuni investitori, durante la pensione, spostino i loro investimenti in soluzioni con meno volatilità. Ma il fatto di essere in pensione non significa automaticamente avere raggiunto i propri obiettivi finanziari a lungo termine e poter smettere d’investire. Forse, dopo essere andati in pensione dovrete continuare a investire per decenni per mantenere il vostro stile di vita o soddisfare le vostre esigenze di reddito durante la pensione.

Gli investitori che decidono di trasferire i loro soldi in conti risparmio devono considerare alcuni importanti fattori, tra cui:

Inflazione: Mai sottovalutare l'impatto dell’inflazione: nel tempo, fa diminuire il potere d’acquisto, ovvero la capacità di acquistare prodotti e servizi con il vostro denaro, e può ridurre i risparmi e i rendimenti d'investimento reali. Dovete definire i vostri obiettivi di crescita e sapere quanti soldi prevedete di avere in portafoglio alla fine del vostro orizzonte temporale di investimento. Dopodiché, dovete assicurarvi che la vostra strategia d'investimento tenga conto degli effetti dell’inflazione.

Ad esempio, se il vostro portafoglio cresce del 5% l’anno e l’inflazione del 4%, otterrete un rendimento annuo solo dell’1% (lordo). Le vostre esigenze di accrescimento del portafoglio potrebbero avere un effetto sulle vostre preferenze di esposizione alla volatilità, dato che forse dovrete continuare ad affrontare il costo dell’inflazione.

Orizzonte temporale d’investimento: L’orizzonte temporale d'investimento corrisponde a quanto tempo devono durare i vostri asset. Man mano che la medicina compie passi avanti e la qualità generale della vita migliora, aumenta anche l’aspettativa di vita. Le persone vivono sempre più a lungo e ciò significa una pensione potenzialmente più duratura del previsto.

Purtroppo, alcuni investitori sottovalutano quanto a lungo vivranno, aumentando così il rischio che le loro scorte per la pensione si esauriscano troppo velocemente. La vostra età alla pensione è meno importante di quanto a lungo devono durare i vostri risparmi. È più importante determinare il vostro orizzonte temporale di investimento, che potrebbe dover tenere conto non solo della vostra aspettativa di vita, ma anche di quella del vostro coniuge e di qualsiasi altra persona che potrebbe dipendere dai vostri fondi per la pensione.

Due errori comuni nell’investire durante la pensione

Notiamo spesso che gli investitori prendono decisioni che potrebbero non corrispondere alle loro situazioni e alle loro esigenze. Troppo spesso questi errori sono motivati da standard o miti del settore che non tengono conto dei vostri fattori personali. Ecco due tra gli errori più comuni che abbiamo visto.

Non comprendere il compromesso rischio/rendimento. Fattori come la tolleranza al rischio sono importanti, ma dargli troppa importanza in alcuni casi può limitare la vostra capacità di soddisfare le vostre esigenze durante la pensione. A volte, tolleranza al rischio ed esigenze finanziarie entrano in conflitto. Quando la tolleranza al rischio non è in linea con i rendimenti necessari per le vostre esigenze, richiedere l’assistenza di un consulente per parlare del compromesso tra rischio e rendimento vi può aiutare a comprendere la posta in gioco.

Concentrarsi troppo solamente sull’età. Potete decidere di concentrarvi sulla generazione di reddito, sull’aumento dei vostri investimenti o su entrambi. La vostra situazione specifica, il vostro orizzonte d'investimento, le esigenze di liquidità e gli obiettivi finanziari avranno un impatto sull’asset allocation necessaria per portare a compimento le vostre ambizioni. Se siete un pensionato e utilizzate il vostro portafoglio come fonte di reddito per coprire le vostre spese, le classi d’attivi in cui investite devono basarsi sui vostri obiettivi e sulla vostra situazione individuali, non solo sulla vostra età. L’età non è che una considerazione e se avete un obiettivo secondario, come lasciare denaro al vostro coniuge o ai vostri eredi, potrebbe essere meno rilevante.

Che impatto avrà la pensione sulle vostre spese?

Anche se alcuni aspetti della pensione possono essere difficili da prevedere, altri sono più semplici da considerare. Valutare le vostre potenziali spese per prevedere dove poter risparmiare e dove poter individuare potenziali aumenti di uscite potrebbe essere una buona idea.

Per cominciare, le spese non opzionali sono quelle necessarie per vivere e in genere non possono essere evitate. Non avete molto controllo su queste spese, che in genere comprendono:

  • Spese di vita quotidiana: Spese di vita quotidiana come alimentari, carburante e bollette. Anche se tali costi possono variare dopo la pensione, dovete essere in grado di stimare se state risparmiando troppo o spendendo in eccesso a seconda delle vostre scelte di vita. Le vostre spese sono influenzate dalla vostra eventuale decisione di cambiare casa. Decidendo di restare nella vostra residenza pre-pensione avrete forse un’idea precisa delle spese che dovrete affrontare. Se scegliete di traslocare, potreste risparmiare o spendere di più durante la pensione.
  • Debiti: Avete contratto debiti con la carta di credito? Avete un mutuo o pagate le rate dell’auto? Questi debiti devono essere presi in considerazione nelle vostre spese per la pensione.
  • Imposte: Se non lavorate più, potrete probabilmente risparmiare su questa categoria. Tuttavia, forse dovrete pagare imposte sul reddito oltre che sulle plusvalenze ed è quindi importante che sappiate se le imposte sulle plusvalenze avranno un effetto.

Le spese discrezionali sono costi non essenziali che possono comunque servire a farvi godere la pensione. Tuttavia, se pensate di dover stilare un budget o ridurre i costi, forse vi conviene diminuire fin da subito queste spese. Le spese discrezionali possono comprendere:

  • Viaggi: Molte persone non vedono l’ora di andare in pensione per poter viaggiare e si immaginano di poter fare quel viaggio da sogno, quella vacanza di lusso o di poter visitare più spesso i nipoti. A seconda di quanto avete viaggiato prima della pensione, durante la pensione potreste vedere cambiamenti nelle spese per questa categoria.
  • Passatempi: Se avete più tempo libero da dedicare ai vostri hobby o per iniziarne di nuovi, forse vi troverete a spendere più tempo e più soldi in queste attività rispetto a prima della pensione.
  • Lussi: A chi non piace regalarsi un po’ di lusso, di tanto in tanto? La pensione è un ottimo momento per farlo, se ne avete la possibilità. Andrete a cena fuori, a teatro o gusterete dei vini raffinati? Qualsiasi sia la vostra idea di lusso, dovete considerare i costi per non deviare dai vostri piani.
  • Figli o nipoti: Questa categoria comprende alcune delle spese già elencate. Durante la pensione viaggerete di più per andare a trovare i vostri cari, o volete lasciare loro del denaro? Se i vostri famigliari sono una priorità durante la pensione, il vostro budget probabilmente fluttuerà in base a questi costi.

Queste sono solo alcune delle importanti considerazioni da tenere a mente nell’investire per la pensione, per cui pianificare da soli può essere un compito arduo.

Contattate subito Fisher Investments Italia

Per saperne di più su Fisher Investments Italia o scoprire le nostre opinioni su come investire al meglio i vostri risparmi per la pensione, contattateci per fissare un appuntamento. Potete anche scaricare le nostre guide informative all’investimento per scoprire tutto sulla chiara definizione di obiettivi, la pianificazione pensionistica e molto altro ancora.

Investire nei mercati finanziari comporta il rischio di perdita e non è possibile garantire che il capitale investito, in tutto o in parte, possa essere rimborsato. Le performance passate non garantiscono, né sono indicatori affidabili di performance future. Il valore degli investimenti e i relativi rendimenti sono soggetti alle fluttuazioni dei mercati azionari mondiali e dei tassi di cambio internazionali.